Arriva lo Smartphone Facebook

Ormai tutti conosciamo la storia Mark Zuckerberg, ex studente di Harvard ora miliardario grazie all'invenzione di Facebook, il social network più frequentato del mondo che ha cambiato la vita di milioni di persone. Buona parte del mondo intero, può essere considerato “social dipendente” da quando l’epidemia “faccialibro” si è diffusa e c’era d’aspettarselo che prima o poi, qualcuno destinasse uno smartphone esclusivamente a tale funzione. Altro motivo, la necessità di rilanciare il social Network, in quanto recenti statistiche rivelano che gli adolescenti si stanno spostando verso altri social network, Twitter in primis.

Ritardato il lancio sul mercato Europeo

Ottimizzato per utilizzare la schermata di Facebook fin dalla prima accensione, pur non modificando il sistema operativo, che resta comunque Android 4.1 Jelly Bean, dotato di un processore Snapdragon due core, Ram da 1 GB, memoria interna di 16 GB (espandibile) schermo da 4,3 pollici con risoluzione ad alta definizione, viene lanciato negli Stati Uniti il primo Smartphone Facebook l'HTC First.

First sembra uno smartphone niente male, ma probabilmente gli americani, non la pensano così. Il lancio di First negli Stati Uniti è stato infatti un vero e proprio flop. I numeri infatti parlano di appena 15.000 smartphone Facebook venduti, nonostante dal 14 Aprile ad oggi sia stato anche abbassato il prezzo rispetto a quello di lancio, cosa che ha influito anche sull’opinione degli altri paesi, dove lo smartphone sarebbe dovuto essere immesso a breve in commercio. Sembra così slittare il lancio sul mercato europeo.

Secondo le indiscrezioni del New York Times, questa non è la prima volta che si tenta il lancio dello smartphone. Sarebbe il terzo tentativo di Facebook di entrare nel mercato dei telefonini: il primo risale al 2010 ed è naufragato per difficoltà tecniche; l'azienda avrebbe poi provato a rilanciare l'anno scorso la progettazione e la commercializzazione di uno smartphone integrato con il social network, nome in codice "Buffy", in collaborazione con Htc, un progetto che «sarebbe ancora in corso».