Cleverbot italiano: Istruzioni per l’uso

Chattare con un robot? Scopri Cleverbot italiano: istruzioni per l'uso

Quante volte hai immaginato di poter conversare con un macchina che ti risponde come farebbe un umano? Credi non sia ancora possibile? Invece ti sbagli, è possibile chattare con un robot non solo in inglese, ma anche in italiano. Ecco Cleverbot italiano: istruzioni per l'uso.

Cos'è un bot? Come funziona?

Bot, abbreviazione di robot, in informatica è definito come programma in grado di accedere alla rete con le stesse modalità di un umano, quindi può scorrere e navigare tra le pagine, inviare messaggi in chat, partecipare ad un videogioco.

Con il passare del tempo e il correre del progresso, i bot diventano sempre più 'intelligenti' e svolgono la maggior parte dei difficili compiti di automazione che dovrebbero spettare all'umano. È difficilissimo classificare i bot perché sono presenti in moltissimi campi dell'informatica, possono essere impiegati contro gli attacchi Ddos e spam, come chatbot online per la messaggistica istantanea, come bot Social e cioè come profili falsi sui social network per aumentarne il volume.

I bot non sono altro che algoritmi appartenenti ad una intelligenza artificiale capace di comprendere ciò che le viene detto e d elaborare una risposta coerente e corretta alla domanda postagli, sono in grado di apprendere dai loro errori e di migliorare di utilizzo in utilizzo come succede ai chatbot che apprendono la lingua in cui si comunica, ne conservano gli sbagli per poterli evitare in futuro.

Cleverbot in italiano: istruzioni per l'uso del successore di Doretta

cleverbot italiano istruzioni per l'uso

 Vi ricordate di Doretta? È un'applicazione di scarso successo appartenente a Msn Messenger utilizzata per cercare informazioni attraverso la rete. La particolarità che rendeva Doretta speciale era la possibilità di interagire con il programma stesso attraverso dialoghi e discusisoni brevi e semplici. La conversaizone appariva così verosimile che alcuni hano pensato, addirittura, che dietro Doretta si celasse un uomo in carne e ossa in grad di rispondere alle domande in aneira coerente e precisa. In realtà il bot Doretta era stato programmato proprio per fare quello e lo faceva anche abbastanza bene.

Adesso abbiamo tra le mani un bot on line, il degno successore di Doretta: Cleverbot.

Anche Cleverbot è disponibile online ma al contrario della cara Doretta è in grado di eseguire conversazioni più elaborate: riesce a gestire e padroneggia diverse lingue, quindi potrai fare conversazione con un cleverbot italiano senza dover necessariamente conoscere l'inglese o un'altra lingua straniera. www.cleverbot.com è il sito ufficiale dove poter iniziare una conversazine in italiano con l'intelligenza artificiale.

Decisamente più evoluto del vecchio Doretta, non vuole essere definito un robot, 'pensa' e 'scrive' come se fosse una persona in carne e ossa (affinché la conversizone risulti verosimile), risponderà il più delle volte in maniera coerente alle vostre domande e, benché sia un software nato e progettato in lingua inglese, con il passare del tmep (e delle modifiche) è riuscito ad imparare altre lingue grazie all’inserimento di modesti vocabolari all'interno del suo database e chattando con diversi utenti d'altre nazionalità. È per questo che possiamo dire che esiste un cleverbot italiano: Cleverbot ha imparato l'italiano conversando con utenti italiani, memorizzando termini, costrutti, accenti nella maniera migliore possibile.

Cleverbot in italiano: istruzione per l'uso del furbo chatbot

Naturalmente i suoi limiti si vedono tutti se interrogato in altre lingue che non siano l'inglese. Tuttavia bisogna tener conto che il Cleverbot riesce ad imparare dai propri errori ed è dificile riuscire a  prenderlo alla sprovvista (ha imparato una serie di insulti e bestemmie, purtroppo) poiché nel momento in cui non riuscirà a rispondere alle tue domande, cercherà di sviare in qualche modo la disussione, vertendo su un altro argomento su cui imbastire una nuova conversazione.

Nell'arco di una discussione abbastanza ampia Cleverbot non ripeterà mai le stesse domande e non darà mai le stesse risposte. Ma attenzione: diventerà piuttosto ostile se cercherete di fargli ammettere che è un robot o, in qualche modo, un'intelligenza artificiale. L'idea finale di Cleverbot è quella di creare un'I.A. migliore o semplicemente più "furba" di quella umana, capace di rispondere in maniera coerente ed efficace con gli utenti e simulare emozioni più o meno "umane".

Chissà se presto riuscirà anche a sviluppare sentimenti più complessi e reagire di conseguenza.