Conto corrente online o tradizionale? I giovani scelgono il web

Secondo studi di settore il canale preferito dai giovani per gestire le operazioni bancarie è il web. Questo non stupisce affatto, considerato che sono i soggetti che più utilizzano la rete sia per motivi professionali che per motivi personali. I social network hanno un gran peso in questo scenario.

 

I dati parlano chiaro. Il 51% dei ragazzi utilizza esclusivamente i servizi online, il 35,1% utilizza la banca telefonica e il 20,3% utilizza il bancomat anche per altre operazioni che la modalità online permette.    

In particolare sembra che la fascia d’età maggiormente interessata a questa soluzione sia quella che va dal 24 ai 35 anni con una percentuale del 71%, seguiti con il 41% dalla fascia dei 18-24 anni. Numeri che sottolineano il fatto che i conti correnti online siano adatti ai giovani per una lunga serie di motivi, uno su tutti quello legato alla effettiva possibilità di tagliare spese per niente utili. Un altro scenario che viene confermato è quello della predominanza di internet anche nella gestione di operazioni obbligatorie e non legate al diletto come quelle bancarie e di gestione del proprio denaro.  

Detto questo, i giovani utilizzano la rete non soltanto per lo shopping, ma anche per rendere meno costosa la vita di ogni giorno con cui si trovano a dover fare i conti, soprattutto quando entrano nel mondo del lavoro. 

Come scelgono la soluzione ideale?

Affermare che un conto online sia più conveniente di uno tradizionale non significa dire che uno vale l’altro. Anche in questo caso ne esiste uno ideale in base a quelle che sono le esigenze di chi decide di aprirlo e le operazioni più frequenti realizzate durante il mese. 

Uno degli elementi più utili per scegliere il conto ideale è quello di affidarsi a comparatori di prezzo come Qualeconto.net, i quali permettono di confrontare le varie soluzioni proposte degli istituti di credito tradizionali e online.

C’è da dire poi che da quando hanno fatto il loro ingresso sul mercato, questi conti hanno migliorato molto i livelli di sicurezza che prima non erano così affidabili. Oggi, invece, grazie alle modalità con le quali si gestisce il proprio conto corrente, si può affermare una buona affidabilità. Per accedere è necessario inserire il codice pin e una password che sono strettamente personali e che la banca consegna al titolare, ma anche un’ulteriore password usa e getta che solitamente è generata da una chiavetta personale (il token) o inviata tramite sms che solo il titolate del conto può conoscere.   

Perché i giovani scelgono la rete

Facendo un discorso generale si può dire che i giovani scelgono la rete perché fa parte della loro vita, sono cresciuti in una realtà altamente tecnologica e si sono adeguati, comportandosi di conseguenza con lo shopping sugli e-commerce e le discussioni in chat. 

Se si parla della scelta del conto corrente però si deve fare un discorso diverso, perché in questo caso i giovani scelgono la modalità online perché permette di risparmiare sia il tempo che il denaro, due elementi che le fasce d’età tra i 18 e i 24 e tra i 24 e i 35 hanno particolarmente a cuore.

Del resto, gestire le operazioni bancarie totalmente online permette di avere una disponibilità del denaro e di qualsiasi informazione 7 giorni su 7, 24 ore sue 24, senza limiti.