Facebook anti bufale
Facebook anti bufale: 4 studenti lanciano un tool vincente

Sono in 4 e in un giorno e mezzo scrivono l'algoritmo che permette di identificare le false notizie

Il problema delle false notizie, create ad arte per per generare click, consenso o vendite, è diventato ormai insostenibile per i colossi del social networking e già da qualche tempo Facebook e Twitter stanno cercando il modo per contrastare questo fenomeno. A far scoppiare il caso è stata la vittoria di Trump alle presidenziali statunitensi che secondo molti sarebbe dipesa proprio da un'informazione basata su false notizie sui social network da parte degli elettori.

La soluzione potrebbe arrivare dall'intuizione di 4 ragazzi: Qinglin Chen, Nabanita De, Anant Goel e Mark Craft. Gli studenti in un giorno e mezzo di lavoro, durante una hackathon alla Princeton University hanno scritto un algoritmo in grado di distinguere le notizie false da quelle vere e di etichettarle all'interno del social netowrk di Mark Zuckerberg.

Il sistema creato dai 4 studenti si chiama "Fib" e funziona grazie ad un'estensione del browser Chrome che etichetta le notizie reputate false attraverso molteplici fattori. Il sistema è ancora in fase di sviluppo e al momento in caso di notizie dubbie invia gli utenti agli stessi contenuti ma su siti giudicati più credibili.

Problema risolto? Non ancora. Il tool è in fase di sviluppo, ma ci sembra una delle migliori proposte per risolvere questo problema che inizia a rendere la navigazione sui social poco confortevole.