Occhiali Google nelle Sale Operatorie

I Google Glass anche nelle sale operatorie per avere sempre sotto controllo i parametri vitali del paziente. Il primo intervento con i google glass è stato fatto lo scorso novembre alla Uab, University of Alabama in Birmingham, per un’operazione alla spalla, e l’utilizzo di questi occhiali si sta diffondendo nelle sale operatorie. La possibilità di guidare il chirurgo anche a distanza possiamo immaginare le agevolazioni che può avere nell'affrontare un'operazione con gli occhiali Google Glass, vedendo quello che un altro sta facendo è un aiuto importante.

Occhiali Google Glass nelle sale operatorie - Azienda Specializzata

Cambiamenti importanti quanto utili al punto di arrivare a fondare un’azienda specializzata nel far visualizzare sempre più dati durante gli interventi senza che il chirurgo allontani lo sguardo da quello che sta facendo. Lo spiega il blog Singularity Hub, secondo cui tutti i principali ospedali Usa stanno sperimentando il dispositivo.

L’azienda, nata dall’università di Stanford, si chiama VitalMedicals. Questa società ha già realizzato un’applicazione che invia direttamente agli occhiali Google Glass le condizioni del paziente, in casi di valori alterati è compreso anche l’allarme.

La prossima novità permetterà al chirurgo di poter gestire gli occhiali a comando vocale e visualizzare tutti i test preoperatori. Poter tenere sotto controllo ed avere tutti questi dati senza usare le mani, evitando quindi anche che vengano a contatto con superfici infette, sarà di grande aiuto, spiega Pierre Theodore, il chirurgo cardiotoracico dell’universita’ di San Francisco che tra i primi ha portato i Glass in una sala operatoria.